agglassato

Ingredienti

un chilo di girello intero o un bel pollo da brodo (o entrambi), un chilo o più di cipolle saporite (dalla quantità delle cipolle dipende la quantità della glassa ricavata), olio extravergine di oliva, pepe, burro, vino marsala secco, sale

Fai la spesa dal nostro shop online

Lampascioni alla salentina

Lampascioni alla salentina

Maccheroni di grano

Maccheroni di grano

Primum, Vino Rosso Primitivo

Primum, Vino Rosso Primitivo

Passata dolce di pomodoro fiaschetto

Passata dolce di pomodoro fiaschetto

Caroselle, o finocchio selvatico

Caroselle, o finocchio selvatico

Piatto piano 24 cm in Terracotta

Piatto piano 24 cm in Terracotta

I Pelati pomodori lunghi al naturale

I Pelati pomodori lunghi al naturale

Giardiniera in agrodolce

Giardiniera in agrodolce

Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!

Invia la ricetta

Invia la ricetta sulla tua email. Puoi anche registrarti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti
4 + 3 ?
(leggile qui)

Preparazione

il principe dei piatti palermitani di carne, della famiglia dei brasati o stracotti. era tradizione domenicale nelle famiglie, poiché la salsa, o glassa, serviva per altre preparazioni durante la settimana. in una casseruola capace si pone il girello o il pollo e si copre di acqua, olio extravergine d'oliva abbondantissimo, sale, pepe e tutte le cipolle grossolanamente affettate. portare la casseruola sul fuoco: a ebollizione raggiunta, abbassare la fiamma e brasare la carne sino a quasi totale riduzione del brodo. aver cura di levare il pollo quando ha raggiunto la cottura, per evitare che si disfi. approntare un'altra casseruola (ottima una pirofila da fuoco) nella quale sciogliere una generosa quantità di burro. scolare il girello o il pollo e rosolarli bene nel burro da tutte le parti. raggiunto un bel color bruno, aggiungere mezzo bicchiere di marsala secco (regolare il profumo di marsala alla quantità delle carne). far evaporare il marsala e quindi, con la cucchiaia bucata, cominciare a prelevare dalla prima casseruola le cipolle stracotte, che si provvederà , con l'aiuto di un cucchiaio di legno, a sfrangere bene, facendone colare la purea dai buchi della cucchiaia sulla carne che continua a rosolare. ripetere sino ad aver travasato tutte le cipolle. versare sulla carne tutto il brodo restante e far addensare la glassa sino a una consistenza cremosa, con molta attenzione, perché questo è il momento in cui il glassato si può attaccare. a questo punto l'agglassato è pronto: l'antico uso è di servirlo caldissimo, ricoperto di glassa e accompagnato da pisellini finissimi, cotti a parte, e patatine previamente fritte a cubetti che si saranno fatte insaporire bene con una parte della salsa glassata.