stoccafisso alla genovese

Fai la spesa dal nostro shop online

Olio di oliva CURZE extravergine biologico

Olio di oliva CURZE extravergine biologico

Pomodori ciliegini sott'olio essiccati al sole

Pomodori ciliegini sott'olio essiccati al sole

Box Ricetta frisellina, olio extravergine e patè

Box Ricetta frisellina, olio extravergine e patè

Foglie d'ulivo di semola

Foglie d'ulivo di semola

Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

insalatta
lessare lo stoccafisso e mentre intiepidisce (ma non deve freddare), preparare in un piatto fondo una salsetta con tonno sminuzzato, acciughe salate e tagliate a pezzetti, capperi, olio extravergine d'oliva, limone e tuorlo d'uovo sodo. condire con questa salsa (che deve restare grossolana e non amalgamata) lo stoccafisso, aggiungendo sale e pepe a piacere. servire tiepido.
accomodôu
un chilo di stoccafisso, acciughe salate, funghi secchi, sapori, aglio, patate, olive verdi, pinoli, olio extravergine d'oliva, sale e pepe
sciogliere, con i rebbi della forchetta di legno, in abbondante olio, in un tegame (se possibile di coccio), almeno tre acciughe salate, lavate e diliscate, e riscaldare senza arrivare a bollore. quando le acciughe saranno sciolte, aggiungere un battuto con un pizzico di funghi secchi (ammollati in acqua tiepida), una cipolla grossa, una carota e una costa di sedano. alzare la fiamma e mescolare spesso il soffritto per evitare che bruci e, quando il tutto assume un bel colore dorato, aggiungere uno spicchio d'aglio. a questo punto (già lavato, spellato e fatto a pezzi) unire lo stoccafisso nel tegame: abbassare la fiamma al minimo, aggiustare di sale e pepe e lasciare cuocere, coperto, per circa mezz'ora. aggiungere olive snocciolate e pinoli a piacere, e allungare con un mestolo di acqua tiepida o, meglio, con brodo vegetale. coprire, mantenendo il fuoco al minimo, e cuocere per circa tre ore. quando sono passate due ore e mezzo circa, mettere nel tegame patate crude a tocchetti. servire caldo.
ä mainesca (alla marinaresca) (per 6 persone)
un chilo di stoccafisso, olio extravergine d'oliva, aglio, prezzemolo, mezzo chilo di pomodori, olive verdi e olive nere, pinoli, capperi, acciughe salate, vino bianco secco, origano, sale e pepe
scottare (per 10 minuti) lo "stocche" in acqua bollente con foglie d'alloro e fettine di limone. a parte, predisporre in un tegame un battuto con le acciughe sciolte nell'olio, prezzemolo e aglio tritato. appena il battuto prende colore, unire i capperi e i pomodori a pezzi senza semi. dopo un quarto d'ora di cottura a fiamma viva, unire lo stoccafisso tagliato a pezzi, le olive e pinoli. le olive verdi e quelle nere più grosse possono anche essere tritate grossolanamente. la cottura va eseguita con il tegame coperto, a fiamma bassa, per un'altro quarto d'ora circa. sorvegliare che il preparato e il pesce non si attacchino al fondo allungando con il vino bianco. servire caldo.
boggïo (bollito) (per 6 persone)
un chilo di stoccafisso, un mazzetto di sapori, olio extravergine d'oliva, un limone, due pomodori maturi, qualche patata, sale e pepe
mettere in una capace pentola con acqua fredda un mazzetto di sapori legati con un filo, prezzemolo, carota, una cipolla piccola, una costa di sedano. quando l'acqua è a bollore accomodarvi lo stoccafisso, già ammollato, pulito e tagliato a pezzi, e lasciare sobbollire a fiamma vivace per non più di dieci minuti. a parte lessare le patate. a giusto punto, scolare lo stoccafisso e accomodarlo in una terrina, mescolarlo con le patate pelate e tagliate a pezzi e aggiustare di sale, olio, pepe e il succo di un limone). c'è una variante: a metà cottura, unire nella pentola i pomodori da salsa con la loro buccia. al momento di servire in tavola, schiacciare con i rebbi di una forchetta i pomodori sulle patate e sullo stocco, togliendo la buccia. condire ancora con olio, sale, pepe e limone. servire caldo.

Commenti