Ingrediente

coriandolo

Sebbene possa assomigliare per certi versi al prezzemolo, il coriandolo in realtà non è un ingrediente molto diffuso in origine nella cucina tradizionale italiana. In modo particolare, nel continente asiatico, del coriandolo vengono usate anche le foglie e i frutti, il cui sapore è particolarmente agro. Tra le proprietà più interessanti del coriandolo, si trovano certamente quelle di regolazione dell'attività intestinale, in modo particolare, per combattere le difficoltà digestive, nonché per rilassare il corpo in caso di sensazione di spossatezza. Il coriandolo viene usato come ingrediente di parecchie salse, come ad esempio il garam masala indiano, nonché per preparare piatti a base di verdura, liquori e salsicce.

Uso in cucina

Tra le preparazioni più comuni in cui il coriandolo trova spazio, troviamo in modo particolare le salsicce, i liquori di diverso tipo e, infine, anche all'interno di pietanze a base di diverse verdure.

Conservazione

Il coriandolo va conservato in un contenitore che lo ripari dall'aria, per evitare che si ossidi: bisogna in modo particolare evitare che lo stesso sia a contatto con la luce e l'umidità.

Curiosità

Secondo lo scienziato romano Plinio, era uso - nell'Antica Roma - posizionare del coriandolo sotto il cuscino, durante il sonno, per prevenire la febbre e lenire il mal di testa.

Elenco ricette

Speciale Pasqua

Scarica gratuitamente lo speciale e-book di Pasqua: 10 ricette salate + 10 ricette dolci per la tua Pasqua con chi vuoi!
Inserisci la tua email e ti riceverai la tua copia da scaricare.

5 + 2 ?
(leggile qui)