Frisa del Salento

La frisa del Salento è un piatto semplice e tutto sommato completo. Caratterizza ed accompagna le sere estive non solo in Salento, ma un po' in tutta Italia. Specie da quando turisti e vacanzieri approdati in terra di Puglia non l'hanno scoperta e riproposta anche ben al di fuori dei confini regionali.
Alla sua semplicità fa da contrappunto una straordinaria versatilità. Difatti, non esiste solamente un tipo di frisa, ma tante tipologie! Ognuno può condirla come meglio crede, secondo gusto e fantasia!

Ingredienti

Frisa del salento, pomodori, cipolle, capperi, sale, olio e acqua

Fai la spesa dal nostro shop online

Paparina verdura selvatica del Salento

Paparina verdura selvatica del Salento

Frisa di orzo 500gr

Frisa di orzo 500gr

Fregi Barocchi Salento IGP Rosso, Palama

Fregi Barocchi Salento IGP Rosso, Palama

Frisa di orzo 1Kg

Frisa di orzo 1Kg

Frisa di grano 1Kg

Frisa di grano 1Kg

Albarossa Salento Vino Rosso Primitivo IGP, Palama

Albarossa Salento Vino Rosso Primitivo IGP, Palama

Frisa di grano 500gr

Frisa di grano 500gr

Albarossa Salento IGP Vino Bianco, Palama

Albarossa Salento IGP Vino Bianco, Palama

Indicazioni per la preparazione
10 minuti di preparazione
1 minuto di cottura
1 persona
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!

Preparazione

Preparate tutti i condimenti che intendete usare. Lavate i pomodorini e tagliateli a dadolata piccola. Affettate finemente una buona cipolla di Tropea o una cipolla rossa, o ancora un cipollotto di vostro gusto. Tenete poi sottomano anche capperi, caroselle, origano, olive, sale, pepe, olio, e tutto ciò che pensate possa essere di vostro gusto. A questo punto immergete la frisa del Salento in acqua. Attendete una manciata di secondi: l\'esperienza vi insegnerà a gestire questo tempo d\'attesa. Non esagerate, tuttavia! Un minimo di croccantezza è sempre gradita. Dopo aver immerso la frisa in acqua, sollevatela e scolatela brevemente. Infine posatela sul piatto e conditela a piacere. Se volete condire la frisa del Salento come da tradizione, non dimenticate di leggere quanto spiegato più in basso in questa pagina!

Consigli
La frisa non va semplicemente condita. Bisogna strofinarla generosamente con un ottimo pomodoro maturo. A quel punto asssorbirà tutta l'essenza del Salento e del sapore di Mediterraneo. Non dovrete poi far altro che completare con olio e sale prima di procedere alla farcitura.
Curiosità
La frisa del Salento può essere fatta con farine differenti: grano, orzo, cereali....dunque, non è solo la bontà degli ingredienti che userete per condirla a renderla speciale, ma anche la sua stessa essenza. Ciascun cereale conferisce infatti un sapore unico alla frisa. Piano piano, assaggio dopo assaggio, scoprirete quale tipologia di frisa preferite!

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Informazioni aggiuntive

La Frisa Pugliese

La frisa pugliese è una specialità tipica della Puglia così come del Salento. E' un'usanza piuttosto antica, risalente sia alla tradizione contadina che a quella marinara. Di fatto, la frisa altro non era che una pagnotta secca, pronta da far rinvenire all'occorrenza. I marinai e i pescatori pugliesi usavano portarsela per mare e, quand'era ora di mangiare, farla rinvenire bagnandola con poca acqua di mare. Analogamente, i contadini pugliesi e i contadini del Salento usavano bagnare la frisa con poca acqua, aggiungendo del formaggio o qualche pomodoro. Un pranzo semplice ma molto gustoso! 

Si trattava di un pranzo sempre pronto, perfetto anche per chi, proprio come i contadini pugliesi, non faceva ritorno a casa per qualche giorno, e si fermava a dormire nelle campagne. Un pranzo che non era soggetto a rapido deperimento ma che si conservava molto a lungo nel tempo. 

Oggi la frisa pugliese e la frisa del Salento sono tornate più che mai attuali e spesso, in tutta Italia, si usa cenare con una semplice frisa. Un pasto che dà adito anche a innumerevoli interpretazioni: anche se la farcitura classica della frisa è quella sopra descritta, è anche vero che poi ciascuno di noi può scatenare la sua fantasia e farcirla come meglio crede: sottoli, affettati, ortaggi freschi, formaggi, funghetti, burrata fresca e chi più ne ha più ne metta. 

Differenza tra Frisa e Frisella

La differenza tra la frisa e la frisella del Salento o pugliese sta nella dimensione ma anche nel modo in cui va gustata. Mentre la frisa è più grande e deve essere necessariamente bagnata e fatta rinvenire, la frisella invece è piccolina. Oltre ad essere piccolina, è possibile morderla agevolmente senza doverla assolutamente bagnare. Dunque, la frisella si condisce con una dadolata di pomodoro fresco o con ottimi patè pugliesi, senza dover fare altro. Se proprio volete ammorbidirla, condite dei pomodori con olio e sale ed adagiateli sulla frisella senza fare altro. Sarà lo stesso condimento a rendere il tutto meno croccante!