pappardelle al cinghiale di scansano

Fai la spesa dal nostro shop online

Tarallini al peperoncino

Tarallini al peperoncino

Paparina, verdura selvatica del Salento

Paparina, verdura selvatica del Salento

Alberelli di Primitivo dal 1955

Alberelli di Primitivo dal 1955

Friselline alla Curcuma

Friselline alla Curcuma

Pomodorini ciliegini in salsa BIO 550gr

Pomodorini ciliegini in salsa BIO 550gr

Confettura di fichi con cioccolato e grappa

Confettura di fichi con cioccolato e grappa

Passata di pomodoro artigianale

Passata di pomodoro artigianale

Bicchiere in Terracotta con Gallo

Bicchiere in Terracotta con Gallo

Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

prima domanda, "larghezza delle pappardelle?". maddalena pinzuti risponde che è sua madre a fare la pasta: "la taglia un po' a caso, una volta le pappardelle possono misurare due centimetri, l'indomani tre oppure quattro: dipende dal suo umore, dalla sua vena, da come le viene". "e il cinghiale lo marina la sera prima?" "no no, uso carne magra del coscio e solo quella. non uso marinarla. prima la lavo bene e l'asciugo. in un tegame preparo un sottofondo con carota, aglio, cipolla, sedano e olio, macino piuttosto grossolanamente la carne di cinghiale e quella di maiale magro, nel rapporto di 3 a 1, tre parti di cinghiale e una di maiale, e rovescio il macinato nel tegame appena il sottofondo è imbrunito. aggiungo vino rosso. lo lascio evaporare. intervengo con pomodori pelati e concentrato di pomodoro, metà e metà . ultimo tocco: due foglie di alloro, per aromatizzare. quando il sugo è pronto lo sposo in padella alla pappardelle, "saltandole". la carne macinata grossa dà un senso di selvatico addomesticato, risultato dell'alleanza tra cinghiale (il selvatico) e maiale (l'addomesticato).

Commenti