cozze gratinate

Le cozze gratinate sono un antipasto davvero semplice e veloce (pulizia delle cozze a parte!) che potrete preparare in dieci minuti in occasione dell'arrivo di alcuni ospiti a casa. Servitele calde quanto prima, e lasciate i vostri ospiti a gustarsele mentre voi terminate la preparazione del pranzo o della cena ai fornelli. Serviranno da veri e propri "apristomaco" e faranno la gioia davvero di tutti. E poichè le cozze sono cotte, potete offrirle in tranquillità anche ai bambini di casa. Al lavoro quindi!

Ingredienti

Fai la spesa dal nostro shop online

Cavaliere a cavallo in ceramica

Cavaliere a cavallo in ceramica

Pesto di basilico Biologico & Demeter

Pesto di basilico Biologico & Demeter

Maritati di semola

Maritati di semola

Ricotta forte

Ricotta forte

Albarossa Salice Salentino DOP Rosso, Palama

Albarossa Salice Salentino DOP Rosso, Palama

Scatola per Pumi e portafortuna

Scatola per Pumi e portafortuna

Pitteddhe Ripiene all'uva

Pitteddhe Ripiene all'uva

Confettura di mela cotogna

Confettura di mela cotogna

Indicazioni per la preparazione
30 minuti di preparazione
10 minuti di cottura
1 persona
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

Lavare bene le cozze (eventualmente anche spazzolandone i gusci), quindi aprirle sul fuoco. Dopodichè scartare la valva superiore. Disporle così predisposte in una teglia e cospargerle dell'aglio e prezzemolo tritati, uniti al pangrattato; versare un poco di olio di oliva in ogni cozza e mettere in forno caldo (200°) a gratinare leggermente: basteranno 10 minuti.

Consigli
Non aprite le cozze da crude! Rischiereste inavvertitamente di offrire una cozza non più buona ai vostri ospiti. Affidatevi piuttosto alla cottura tradizionale in un pentolino: sarà la prova del calore a darvi la risposta e ad impedire alle cozze che non sono buone di aprirsi.
Curiosità
Scientificamente le cozze si chiamano mitili, ma a seconda della regione d'Italia esse possono assumere nomi diversi: parliamo quindi di peoci a Venezia, di datteri neri in Toscana, o di muscoli a nord ovest del nostro paese.

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Commenti